Liberales Institut im Dienst der Freiheit

Istituto Liberale
Via Nassa 38
6900 Lugano, Svizzera
Tel.: +41 (0)91 210 27 90
Fax: +41 (0)91 210 27 91

Rapporto annuale sulla libertÓ economica 2012

  • pdf
  • print
  • e-mail

Dopo diversi anni di regressione, la libertÓ economica mondiale ha finalmente subito un'inversione di tendenza.

La Svizzera rimane il paese con la libertÓ economica pi¨ elevata d'Europa e continua a classificarsi quarta al mondo. Sul piano internazionale, l'indice di libertÓ economica Ŕ risalito a 6.83 punti dopo essere sceso a 6.79 l'anno precedente (su una scala da 1 a 10). Questo costituisce una leggera inversione di tendenza dopo che l'indice era sensibilmente regredito dal 2007 in poi. L'anno scorso, l'indice aveva raggiunto uno dei livelli pi¨ bassi degli ultimi trentanni. La riduzione della libertÓ economica a seguito della crisi finanziaria contrasta con l'evoluzione positiva che aveva avuto luogo nei decenni precedenti.

Tra i dieci paesi pi¨ liberi al mondo, dopo Hong Kong (8,90 punti), Singapore (8,69), la Nuova Zelanda (8,36) e la Svizzera (8,24), figurano l'Australia et il Canada (7,97 per entrambi), il Bahrein (7,94), l'isola Mauritius (7,90), la Finlandia (7,88, primo paese dell'Unione europea) e il Cile (7,84). Il Zimbabwe, il Myanmar et il Venezuela chiudono la classifica.

Tra le altre economie pi¨ importanti, il Giappone si classifica 20esimo (7,64), la Germania 31esima (7,52), la Francia 47esima (7,32) e l'Italia 83esima (6,77). L'economia emergente dell'India si posiziona unicamente 111esima (6,26) mentre la Cina la precede in 107esima posizione (6,35). Il Brasile figura alla 105esima posizione (6,37) e la Russia alla 95esima (6,56). Questo sottolinea il potenziale di sviluppo a disposizione di questi paesi.

Leggere il rapporto:
Economic Freedom of the World
(322 pagine, PDF)

Settembre 2012