Liberales Institut im Dienst der Freiheit

Istituto Liberale
Via Nassa 38
6900 Lugano, Svizzera
Tel.: +41 (0)91 210 27 90
Fax: +41 (0)91 210 27 91

Concorso di saggistica

II prossimo concorso di saggistica dell'Istituto Liberale in lingua italiana avrà luogo nell'anno 2020. Nel 2016 l'Istituto Liberale con il Corriere del Ticino ha invitato gli studenti di età inferiore a 30 anni e iscritti a un'università svizzera a produrre un breve saggio ispirato alla seguente citazione di Benjamin Constant:

“Imposte eccessive conducono alla negazione della giustizia.”

Vincitori dell'edizione 2016

1. premio: Costanza Naguib, Università della Svizzera italiana
«Imposte eccessive conducono alla negazione della giustizia»

2. premio: Eric Tremolanti, Università della Svizzera italiana
«Taxed too much already»

3. premio: Chiara Gaiani, Università della Svizzera italiana
«Imposte eccessive conducono alla negazione della giustizia»

Premi

I premi per i vincitori ammontano a fr. 1 500 (1° posto), fr. 1 000 (2° posto) e fr. 500 (3° posto). Il migliore saggio verrà pubblicato (in estratti) sul Corriere del Ticino. Per attribuire i premi, una giuria valuterà contenuto e stile dei saggi con criteri uniformi. Al centro della valutazione saranno considerati chiarezza, originalità ed autonomia del pensiero elaborato a partire dalla citazione. La giuria è composta dai seguenti membri:

  • Fabio Pontiggia, Corriere del Ticino
  • Fulcieri Kistler, Dr. oec.
  • Marina Masoni, Avvocata
  • Paolo Pamini, Dr. oec., Istituto Liberale
  • Stelio Pesciallo, Avvocato, Azione Liberale

Regolamento del concorso

I saggi devono essere inviati entro il 15 settembre 2016. I testi pervenuti oltre il termine di scadenza non saranno considerati. A questa data, i partecipanti al concorso non dovranno avere 30 anni o più e dovranno essere immatricolati in università o scuola superiore svizzera (o essere stati immatricolati nell'anno in corso).

I saggi dovranno essere spediti come allegato all'indirizzo email concorso@libinst.ch in formato Microsoft Word o Adobe PDF entro e non oltre il termine di scadenza del concorso. L'email dovrà contenere il nome completo del o della partecipante, nonché il suo indirizzo, numero di telefono e data di nascita. Per garantire l'anonimato della valutazione il nome del o della partecipante non dovrà apparire nel file del saggio allegato. L'Istituto Liberale confermerà l'avvenuta ricezione del testo tramite email.

Il corpo principale del saggio dovrebbe contare da 9 000 a 15 000 battute, spazi inclusi. Le citazioni devono essere indicate chiaramente come tali e corredate dalla loro fonte. Per redigere il testo non è obbligatorio collegarsi a letteratura esterna. Il testo dovrà offrire un'elaborazione propria in relazione alla citazione che fa da tema al concorso.

I collaboratori dell'Istituto ed i loro prossimi sono esclusi dal concorso.

I saggi dovranno essere redatti esclusivamente dai partecipanti e non dovranno essere già stati pubblicati precedentemente o essere stati sottoposti a terzi con un intento di pubblicazione. Nel caso in cui nessun testo corrisponda alle aspettative della giuria, essa si riserva il diritto di non decretare alcun vincitore.

La decisione della giuria verrà resa nota ad ottobre 2016.

Domande

Per ulteriori domande si prega di rivolgersi a concorso@libinst.ch.

Il concorso di scrittura per studenti è sponsorizzato da Azione Liberale.

Vincitori delle precedenti edizioni

Nel corso del 2013 l'Istituto Liberale e il Corriere del Ticino hanno invitato gli studenti iscritti a un'università svizzera a produrre un breve saggio ispirato alla seguente citazione:

“L'incertezza fa parte di tutte le attività umane. Se l'essere umano volesse liberarsi da tutte le incertezze, dovrebbe smettere di essere una creatura in grado di pensare.”

1. Premio: Costanza Naguib, Università della Svizzera Italiana
«L'illusione della scelta razionale»

2. Premio: Fabio Cappelletti, Università di Ginevra
«Dell'incertezza nelle attività umane e delle conseguenze nefaste della sua eliminazione attraverso il dirigismo statale»

3. Premio: Veronica Pinchetti, Università della Svizzera Italiana
«Lʼincertezza...»