Il programma anti mercato delle organizzazioni internazionali

Daniel J. Mitchell

    Non vi sono prove a sostegno della tesi secondo cui l'aumento della spesa pubblica ha portato a un migliore sviluppo.

    Organizzazioni internazionali come l'OCSE o il FMI sono state fondate per primo a promozione dello sviluppo di paesi attraverso politiche liberali di libero scambio, bilanci nazionali sani, deregolamentazione e il maggior numero possibile di mercati. Oggi, tuttavia, le stesse organizzazioni stanno prendendo questi principi ad absurdum. Il dirigismo, la lotta contro la concorrenza fiscale e l'inflazione degli apparati statali sono ora in cima alla lista delle richieste.

    Per giustificare questo nuovo corso, si sostiene che l'aumento della spesa pubblica abbia portato ad un migliore sviluppo dei singoli paesi. Tuttavia, queste affermazioni contraddicono qualsiasi teoria e qualsiasi esperienza storica. Storicamente, il contrario è sempre stato il caso: basse tasse, protezione dei diritti di proprietà e bassa attività statale sono sempre state una garanzia di crescita economica, che può essere visto anche nell'ascesa delle nazioni occidentali.

    La Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (BERS) è un ottimo esempio di malinteso "sviluppo". La BERS è stata creata per promuovere riforme favorevoli al mercato nei paesi dell'ex blocco orientale. Tuttavia, con la sua pratica di prestiti agevolati a imprese selezionate, la BERS impedisce un aumento del tenore di vita nei paesi dell'Est, in quanto, da un lato, distorce i mercati e, dall'altro, promuove il nepotismo e la corruzione.

    Download LI-Paper
    (10 pagine, PDF)

    Ottobre 2018

    politische-vielfalt category logo