Liberales Institut im Dienst der Freiheit

Istituto Liberale
Via Nassa 38
6900 Lugano, Svizzera
Tel.: +41 (0)91 210 27 90
Fax: +41 (0)91 210 27 91

Filosofia

Il liberalismo origina da un sano scetticismo nei confronti del potere e della coercizione, e quindi anche dello Stato. Da questo scetticismo deriva tutto il vigore e l'urgenza dei principi liberali.

Un ordine liberale come intendiamo realizzarlo nel ventunesimo secolo si basa su una chiara concezione dei diritti umani fondamentali. Queste libertÓ individuali non possono essere relativizzate senza compromettere la dignitÓ della persona. Per questo motivo, esse meritano tutta la nostra attenzione e il nostro impegno nel difenderle. In particolare, le caratteristiche principali di un ordine liberale possono essere riassunte grazie a tre semplici principi.

La persona responsabile come punto di partenza e finalitÓ

Un ordine liberale necessita un completo rispetto dell'autonomia delle persone. LÓ dove l'obbligo ha fallito, la libera volontÓ e l'autonomia privata devono riprendere il sopravvento. In particolare, la responsabilitÓ individuale deve sostituirsi alla coercizione e alle regolamentazioni attraverso un „ritiro ordinato“ di strutture statali che, benchÚ spesso benintenzionate, non fanno altro che produrre delle incitazioni e dei risultati indesiderabili. La persona indipendente, in grado di gestire autonomamente la propria vita, deve quindi essere il punto di partenza, ma anche la finalitÓ, di una societÓ libera.

Soluzioni contrattuali e decentralizzate

La libertÓ e l'autonomia di una persona non si sviluppano con l'isolamento, ma unicamente attraverso una continua cooperazione all'interno della societÓ civile e del libero mercato. La sua autodeterminazione si manifesta quindi attraverso reti di cooperazione spontanee e contrattuali. Auspichiamo che, lÓ dove ancora oggi prevalgono delle strutture centralizzate, delle entitÓ locali pluraliste possano giocare il gioco la concorrenza. La centralizzazione Ŕ un pericolo per la libertÓ. Un ordine liberale ha anche bisogno di forza e tolleranza per accettare la responsabilitÓ individuale, l'autonomia privata e la diversitÓ che ne deriva. Accanto ai molteplici accordi contrattuali Ŕ quindi anche indispensabile la presenza di molteplici unitÓ politiche aperte e decentralizzate.

SolidarietÓ volontaria

La libertÓ Ŕ il presupposto di una cooperazione e una solidarietÓ efficaci. Gli odierni obblighi centralisti dettati dallo Stato sociale devono essere sostituiti dall'aiuto spontaneo, mirato e organizzato della societÓ civile. Sostituendo la solidarietÓ con l'obbligo di aiutare si distruggono le basi della cooperazione armoniosa tra cittadini autonomi.

I tre principi qui descritti — la responsabilitÓ individuale e l'autonomia privata, la cooperazione contrattuale non-centralizzata e la solidarietÓ volontaria — possono essere intesi come le linee guida di un ordine liberale. Essi rappresentano perci˛ anche le basi normative delle attivitÓ dell'Istituto Liberale.